Viviamo nell’era dell’iperconnessione che ha modificato in maniera irreversibile il confine tra online e offline, tra mondo materiale e immateriale. Viviamo “OnLife” e questo cambia il rapporto tra uomo, macchine, persone, cose e natura.  Siamo tutti protagonisti della “rivoluzione inavvertita”, ognuno oggetto ricevente e soggetto creatore di contenuti.

E' questo l'abstract dell'edizione 2020 di BTO l'appuntamento annuale per il turismo online.

Un tema molto attuale,  in un settore come quello del turismo che si rivela da sempre molto più sensibile rispetto ad altri a questo tipo di cambiamenti.

Anche quest'anno seguirò l'evento nei due giorni previsti alla Leopolda di Firenze (nuova location dalla passata edizione) per scoprire, e, questa volta anche raccontare le ultime novità e tendenze sul turismo coniugate alla rete ed al digitale.

Sono stato invitato infatti a far parte del "Tuscany Team" componente speciale del Social Media Team ufficiale di BTO composto da professionisti, blogger e content creator che avranno il compito di "trasmettere" in diretta sui vari canali social e non i panel resi vivi dai principali e più noti professionisti del settore che compongono l'agenda dei due giorni.

Spulciando infatti il vasto programma dell'evento i panel sono veramente molti e sarà impresa ardua, come al solito, seguire tutti quelli voluti. Anche questa volta ci aspetta una discreta maratona. Ma scendiamo nel dettaglio con l'agenda scelta:

DAY ONE

The Onlife Manifesto (in pillole) di Francesco Tapinassi, Direttore Scientifico di BTO introduce l'abstract dell'edizione 2020

L'innovazione nei processi aziendali, come affrontare il cambiamento Spesso il principale "freno" ad un cambiamento e ad un innovazione in azienda sono le stesse risorse umane.Introdurre una nuova tecnologia e sperare che funzioni senza aver motivato abbastanza i propri collaboratori alla necessità, oltre che all'utilità, di cambiare il modello di lavoro, non basta.Come affrontare la paura che genera il cambiamento e come modificare l'assetto del proprio team per renderlo più efficiente e performante, anche e perché no, con l'aiuto dei mattoncini più famosi al mondo, i Lego! Uno degli speaker il PROF Rodolfo Baggio che incontro e seguo sempre con piacere!

Destination management system e strategie digitali turistiche delle destinazioni

Internazionalizzazione e SEO per il tuo Hotel. Come localizzare correttamente i contenuti di un sito web turistico Uno dei grandi problemi dei siti multilingua e multi-country è la localizzazione. Infatti, la tendenza è semplicemente tradurre in un'altra lingua il contenuto della versione principale. Giulio Gargiulo, esperto di posizionamento dei siti nei mercati russi, condividerà un caso studio e una metodologia per approcciare al mercato che ci interessa nel modo giusto.

Content marketing: partiamo dall'ascolto Workshop pratico per progettare i contenuti giusti per attrarre, convincere e coccolare le tue persone. E il tuo business. Farabegoli e Bertoli da seguire ad occhi chiusi come sempre

Stress-free productivity nel digital, come gestire il tempo in modo più proficuo Reminders, notifiche, chats, tasks, bugs, email… la vita di un professionista del turismo oggi non è per nulla semplice, ancora peggio se il lavoro riguarda il marketing digitale dove il tempo sembra non bastare mai. La gestione del tempo per allocare meglio le proprie risorse e capire lo stato di avanzamento di un progetto diventa fondamentale, così come la gestione dello stress dovuta alla sensazione di aver fatto poco o di dover fare di più.


DAY TWO

Reinventare il management nel turismo partendo da... Alla domanda, “Consiglieresti il tuo capo?”, l’80% delle persone intervistate in una recente ricerca avviata dalla Liuc Business School, risponde di “No”. In linea con gli indici internazionali che vedono i dipendenti generalmente distanti dal loro capo e “disengaged” (Gallup). Una mancanza di “sintonia” che si ripercuote negativamente sull’output del proprio lavoro e dell’azienda, rende ancora più difficile l’implementazione delle nuove tecnologie e dei processi di cambiamento e, inevitabilmente, si riflette sul servizio erogato. In un’industry 4.0, quella turistica, fortemente pervasa dalle nuove tecnologie, quale potrebbe essere il modello di management ideale? Cosa motiverebbe di più le persone a lavorare meglio? Cosa renderebbe “il capo” più stimolante? Ne parliamo con Vittorio D’Amato, direttore del centro sul cambiamento della Liuc Business School, Giovanna Manzi, CEO di Best Western Italia, e Fausto Ciarcia, responsabile HR Nord Italia per Hilton, azienda nominata #2 migliore azienda al mondo dove lavorare (secondo la rivista Fortune). Modera Carlo Fontana, albergatore, CEO di Hoxell e membro del Comitato scientifico di BTO.

Lo Human Intelligence dell'AI: strategie conversazionali. Ovvero, come penseremo quando non avremo più bisogno di pensare? Le tecnologie conversazionali, siano esse vocali o via chat, parzialmente o completamente automatizzate, sono ormai lo standard nelle nostre interazioni, spesso addirittura senza che ce ne rendiamo consciamente conto.
Le utilizziamo per chiedere l'ora esatta, cercare un ricetta in cucina, trovare il tragitto migliore da A a B, acquistare un biglietto aereo, oppure chiedere informazioni sulla nostra camera d'albergo. Le piattaforme conversational processano miliardi di dati al secondo, li assemblano in maniera previsionale e rispondono, di volta in volta, con la risposta più adeguata alle nostre esigenze. E se, da una parte, queste tecnologie riducono (e a volte azzerano) il margine di errore e avvicinando e gli utenti umani a tecnologie artificiali, dall’altra si corre il rischio di privare l’essere umano di alcune importanti e caratteristiche capacità cognitive, come quelle legate alla memoria e l’orientamento, arrivando fino a vere e proprie mutazioni dell'ippocampo. Viaggio nell’onLIFE della conversational AI con due player leader nel settore Volara (voice nell'hospitality) e BeSpoke (chatbot per aeroporti).
Quali saranno gli algoritmi che regoleranno questo nuovo sistema di ricerca delle informazioni?

Human Engine – procedure di front office e back office nell’era della digitalizzazione e delle automazioni Nell’era del self check in e check out, dei chat bot, di whatsapp Business e delle automazioni è ancora determinante l’aspetto umano in hotel Analizzeremo i grandi vantaggi delle semplificazioni nel reparto front office e back office, ma anche le limitazioni e le criticità che riscontriamo generalmente nei feedback dell’ospit

La sostenibilità è un fattore sempre più importante per i viaggiatori e per la scelta delle destinazioni. Vediamo in che modo MyHelsinki e Skyscanner interagiscono con i viaggiatori più attenti ed esigenti. Secondo il report sui viaggi sostenibili del 2019 di Booking.com, il 70% dei viaggiatori sostiene che prenoterebbe più volentieri un alloggio sapendo che è ecosostenibile, indipendentemente dal tipo di permanenza. L''effetto Greta' sta rallentando i viaggi aerei; il concetto di volo colpevole si sta diffondendo, a partire dalla Scandinavia. L'attenzione alla sostenibilità diventa trainante per le prenotazioni di hotel e le destinazioni di viaggio. Esaminiamo la sostenibilità come fattore sempre più importante per i viaggiatori rispetto alla destinazione e alla pianificazione del viaggio.
MyHelsinki ha sviluppato programmi e strumenti digitali per coinvolgere i viaggiatori, le comunità locali e gli operatori, aumentando così la consapevolezza del valore dei viaggi sostenibili. Skyscanner ha modificato la denominazione sociale dei propri servizi, evidenziando approcci sostenibili al viaggio, per aiutare più di 10 milioni di persone a scegliere tra una gamma di soluzioni più ampia e trasparente.

Offrire ai viaggiatori un nuovo tipo di esperienza: vivere le città attraverso gli SmarTours Cercando informazioni per costruire degli itinerari di viaggio, che siano quanto più autentici e particolari, ci troviamo di fronte a centinaia di fonti informative disomogenee e disorganizzate tra pagine web, blog, piattaforme, social network. La ricerca richiede molto tempo e spesso risulta difficile conoscere le realtà meno note ed inflazionate. In questo intervento vi presenteremo un nuovo tipo di esperienza, quella degli SmarTours: itinerari geolocalizzati, creati su misura dall’esperienza e dalle passioni dei Locals, che condurranno i viaggiatori sui loro passi alla scoperta della città.

THE END

Un programma ampio, alla ricerca di spunti e novità di riversare nel lavoro di tutti i giorni e con qualche nozione in più e rivedendo tanti amici...che fa sempre piacere.

Sul blog la prossima settimana il resoconto "live" dei vari panel scritti in diretta direttamente dalla platea per seguirli anche se non avete potuto partecipare.

A presto!!